neoumanesimo: dalle interviste al manifesto

sogni sul lettoridotto

A. de Lastrade, V. Docampo, Domani inventerò, Terre di Mezzo, 2014

Cinque anni fa, appena trasferitami a Milano, lavorai con passione a un progetto: intervistare persone che condividono uno sguardo “neoumanistico”; raccolsi storie di donne, uomini, professionisti che nella loro azione quotidiana “seminano” a favore di una società partecipata ed attenta ai bisogni delle persone. Tentai di  dare voce ad esperienze e studi.
Le interviste prendevano corpo intorno a bisogni che si esprimevano con diverse forme:

  1. risignificare nel quotidiano “dignità” e “rispetto”
  2. contrastare qualunquismo, consumismo, inquinamento
  3. sostenere una cultura del dialogo
  4. tutelare l’infanzia e l’adolescenza dalla miopia delle istituzioni e dalle fragilità familiari e sociale
  5. immaginare forme di resistenza allo strapotere delle multinazionali
  6. far incontrare vecchie e nuove acquisizioni culturali, in tema di sviluppo umano
  7. ripensare orizzonti di senso per contrastarela tendenza a ragionare in termini di interessi immediati

Fu un lavorone, mi piace oggi riproporvi alcuni contributi che raccolsi:

intervista a Gianfranco Staccioli (C.E.M.E.A.)
Il Centro Nascita Montessori si  racconta (prima parte)
Il Centro Nascita Montessori si racconta (seconda parte)
Intervista a Guia Risari (letteratura, estetica)
Intervista ad Aldo fortunati (pedagogia)
Paola Mattesini illustra cosa sono i GAS (gruppo acquisto solidale)
Intervista a Erika Cardeti (Clown in pediatria)
Intervista a Sara Mastropaolo (egittologia)
Liber La rivista di Letteratura per bambini e ragazzi si presenta

In continuità con lo spirito con cui mi cimentai allora nelle interviste, più recentemente ha preso forma il Manifesto di Alleanze Educative e di cura, scritto a quattro mani con Alice Gregori a cui chiunque può aderire, se ne condivide lo spirito.