i bambini sono cattivi!

i-bambini-sono-cattivi-tv-copy

Vincent Cuvellier e Aurélie Guillerey, I bambini sono cattivi, Sinnos, 2016

Per i bambini che dominano totalmente la madre o l’intera famiglia, la vita non è molto divertente (…)  Un bambino che vince con la prepotenza non trova mai un piacere soddisfacente, perché non gli è dato spontaneamente. Non ci sono doni ma solo estorsioni.
[Asha Phillips, I no che aiutano a crescere, Feltrinelli, 1999 – queste frasi sono state riprodotte recentemente in un articolo di Uppa La natura dei capricci]

Nella società strabica in cui viviamo, molti adulti esprimono il loro totale disorientamente nella relazione con i bambini: spesso smaniosi di incorrere nella loro approvazione si sottraggono al ruolo di cornice che la regia educativa richiede loro, altre volte caricano di impegni persone che avrebbe diritto a vivere la loro infanzia cercando soddisfazione ai loro bisogni naturali.

I bambini stanno in mezzo alla confusione degli adulti, e si difendono come possono.

1

Vincent Cuvellier e Aurélie Guillerey, I bambini sono cattivi, Sinnos, 2016

Bambini angelicati e bambini tiranni sono vittime di uno stesso errore: l’invadenza dell’adulto che carica l’infanzia di compiti per soddisfare aspettative personali, talvolta apparentemente nobili, altre dichiaratamente egocentriche.

Molti bambini sono ostaggio di adulti iper-accudenti che non li perdono di vista un solo istante, sopravvalutando i pericoli finendo per intossicare l’infanzia; non sono una rarità uomini e donne che pongono eccessivi limiti all’autonomia di movimento e ostacolano la naturale progressione di abilità del bambino\a.
Spesso gli occhi degli adulti scrutano ogni oggetto e movimento del bambino, entrano nei loro giochi, si sostituiscono a loro quando devono imparare a stimare da soli cosa sono in grado di fare in sicurezza  e come desiderano esercitarsi per crescere competenti -e liberi! Ma sono anche numerosi i bambini strapazzati da un vortice di impegni, senza alcuna considerazione dei loro ritmi naturali, perché “non ci si può mica chiudere in casa!”. E poi: bisogna stimolare il bambino, perché nell’infanzia la mente è assorbente! Quale fraintendimento ha generato questa visione del bambino come persona capace di regolarsi da solo e apprendere attivamente!

Lo ha ben capito il mondo del marketing: l’infanzia ha l’oro in bocca!

eloise-4

Kay Thompson e Hillary Knight, Eloise, Simon and Shuster, New York, 1955

Che fatica essere bambini! Ma anche che fatica essere genitori, e nonni e baby-sitter, educatrici, insegnanti in una società che considera i bambini gli istigatori inconsapevoli del nuovo target “gli acquirenti di oggetti\servizi\mode per l’infanzia”.
Poi, per fortuna, ci sono le alleanze spontanee, spesso pedagogicamente scorrette ma non per questo necessariamente meno sane.

eloise-5

Kay Thompson e Hillary Knight, Eloise, Simon and Shuster, New York, 1955

Dicono che bisogna insegnare ai bambini ad amare la madre, il padre, la maestra; bisogna insegnar loro ad amare tutto e tutti. E chi è questo maestro d’amore, che vuole insegnare ai bambini ad amare? Colui che giudica capricci tutte le loro manifestazioni e che pensa alla propria difesa contro di loro? L’adulto non può diventare maestro d’amore senza un esercizio speciale e senza aprire gli occhi della coscienza, per vedere un mondo più vasto.
[Maria Montessori, Il bambino in famiglia, prima ed.  1956, qui nell’edizioneGarzanti del 2000]

5

Vincent Cuvellier e Aurélie Guillerey, I bambini sono cattivi, Sinnos, 2016

Capita ancora che degli adulti suggeriscano ai bambini di manifestare il loro affetto a delle persone, talvolta addirittura sconosciute: è una richiesta sbagliata e dannosa

2-11-550x411

Vincent Cuvellier e Aurélie Guillerey, I bambini sono cattivi, Sinnos, 2016

Non bisogna MAI suggerire -e men che meno imporre- a un bambino di baciare qualcuno, perché questo va a denigrare il suo gesto spontaneo declassandolo a una formalità che può essere pretesa o che può andare ad assumere valenze diverse da quelle che ha.

eloise-2

Kay Thompson e Hillary Knight, Eloise, Simon and Shuster, New York, 1955

Fortuna che i bambini talvolta sanno isolarsi in tane dei divertimenti e in un altrove anche in mezzo a sale popolate da adulti impegnati nelle loro cose.

eloise-1

Kay Thompson e Hillary Knight, Eloise, Simon and Shuster, New York, 1955

Dunque all’occhio adulti: i bambini sono cattivi!

i-bambinisonocattivi_web

Vincent Cuvellier e Aurélie Guillerey, I bambini sono cattivi, Sinnos, 2016

Trovo che le tavole di due libri geniali e raffinati come sono quelli con le cui immagini dialogo in questo post esprimano meglio di mille parole dell’eterno conflitto adulto-bambino, indirizzando il focus sul nonsenso di alcune pretese dell’adulto.

Eloise si trova anche in italiano nelle biblioteche, è fuori catalogo da tempo. I bambini sono cattivi, edito da Sinnos, invece, è facilmente reperibile e mi permetto di consigliarlo vivamente, per qualunque età.