fare, leggere, giocare, mangiare in biblioteca: al Dokk1

img_20160731_144724

giochi esterni, all’ingresso

Ecco un reportage fotografico dalla visita estiva al DOKK1, la biblioteca pubblica integrata ai servizi amministrativi e sociali del Comune di Aarhus, che anima un vero e proprio centro culturale. DOKK1 Sorge nel centro della città, sul lungomare, ed è parte di un più ampio progetto di sviluppo urbano MediaSpace Aarhus, inaugurato il 20 giugno 2015.

img_20160731_144928

giochi esterni

Scorgendolo da lontano, si comprende subito perchè la letteratura per l’infanzia danese e scandinava esprima, da sempre, tale unitarietà tra movimento, gioco, capacità contemplativa e introspettiva: l’ambiente accoglie i bisogni intimi e profondi della persona nell’intero suo ciclo di vita: in primo luogo verso il gioco e il movimento!

img_20160731_145010

giochi esterni

img_20160731_145231

spazi antistanti i giochi, all’ingresso

img_20160731_145301

giochi esterni

La biblioteca di fatto è un enorme poligono multi-sfaccettato, prevalentemente di vetro, che gioca con forme, attorcigliamenti e scomposizioni.

img_20160731_145412

l’orario è molto esteso, ho trascorso due intere giornate con famiglia al DOKK1, nessuno si è lamentato

Nei giorni festivi e feriali il DOKK1 è sempre frequentato, da una pluralità umana molto variegata, per età, interessi, aspetto, posture.

img_20160731_152103

img_20160731_151513

La grande libertà di movimento è accompagnata da un confortevole clima di pace e silenzio.

img_20160731_151644

img_20160731_151749

img_20160731_151757

img_20160731_151814

Inclusività: un parcheggio per passeggini interno, facilmente raggiungibile, come ogni altra zona, grazie a scivoli che i bambini vivono anche come luoghi in cui correre, spingere carrozzine e carretti, muoversi con macchine, tricicli, …

img_20160731_151850

Una sala per i più piccoli, che tiene conto anche di chi li accompagna:

img_20160731_151947

img_20160731_152040

img_20160731_152114

Davanti alla sala piccoli, il parcheggio per i passeggini e le rampe di accesso:

img_20160731_152206

Area famiglie, in cui adulti e bambini condividono spazi, sedute, visuale, libri, giochi,…

img_20160731_152639

img_20160731_152700

img_20160731_152727

Senza soluzione di continuità dall’area famiglie ci si affaccia sull’area Makers: giochi, stampanti tridimensionali e tavoli, ove chiunque mangia, senza limitazioni, a qualunque ora (e non succede nulla di grave!)

img_20160731_152753

img_20160731_152811

img_20160731_152901

stampanti 3D, a disposizione

img_20160731_152910

In continuità si arriva, tramite rampe o gradinate, a una delle aree scaffali e lettura

img_20160731_152930

img_20160731_153023

Bookcrossing di libri in altre lingue da quella locale, in questo caso: tedesco

img_20160731_153156

Giochi, sedute, vista, schermi, libri, ..

img_20160731_153248

img_20160731_153331

img_20160731_153410

img_20160731_153430

img_20160731_153646

La cucina è accessibile sempre senza alcun permesso particolare: si può consumare il pasto al suo interno oppure in qualunque altro posto.

img_20160731_154053

Area famiglia:

img_20160731_154437

Inclusività e bagno: altezze diverse dei servizi,

“aiutami a fare da solo!”

img_20160731_154526

Chi studia, chi lavora, chi legge, chi guarda, chi mangia, ..

img_20160801_113540

img_20160801_113549

img_20160801_113554

img_20160801_113603

img_20160801_113632

img_20160801_113709

Veduta dall’interno sugli spazi gioco all’esterno:
img_20160801_113745

e dentro

img_20160801_113835

img_20160801_113937

stanza laboratori

img_20160801_114011

img_20160801_114018

img_20160801_114101

il parcheggio si popola e gli spazi si animano

img_20160801_113754

img_20160801_114143

img_20160801_114238

img_20160801_114316

img_20160801_114413

Non solo giochi di movimento e tradizionali, ma anche un’ampia offerta con le ultime novità:

img_20160801_114443

Ho notato che in tutte le biblioteche del nord convive storia e innovazione, molti oggetti di uso comune, vecchi, sono valorizzati tra gli scaffali, ad uso dei bambini che vi giocano e li osservano molto volentieri.img_20160801_114451

img_20160801_114533

img_20160801_114553

img_20160801_114558

img_20160801_114626

Salto temporale: ma a fianco ai giochi elettronici una grande sala insonorizzata per giochi di movimento (trampoli, monopattini, etc)

img_20160801_114701

img_20160801_114728

img_20160801_114804

un continuo intreccio di movimento, quiete, solitudine, incontro.

img_20160801_114824

img_20160801_114902

img_20160801_115037

img_20160801_121231

e gira gira, torni dove sei già stata, ma il cielo fuori è in continuo movimento anch’esso e con le luci cambia anche l’aspetto interno.

img_20160801_115425

img_20160801_121025

img_20160801_115639

Il tempo passa piacevolmente: in famiglia, da soli, in compagni di amici, con altri studenti o collaboratori.

img_20160801_121507

img_20160801_120510

img_20160801_120556

img_20160801_121539

img_20160801_121616

img_20160801_121659

Mi hanno colpito intere tavolate di persone che mangiano: non lo sottolineo perché ossessionata dal cibo quanto perchè i ragazzi intervistati da Codici Ricerche e intervento nell’ambito del progetto Ti faccio il filo:trame di coesione sociale [pensato e coordinato da Franco Fornaroli biblioteca di Melegnano di cui scriverò perché realizza grandi cose!] hanno lamentato di aver bisogno di un luogo dove poter pranzare quando escono da scuola e di non trovare accoglienza nelle biblioteche; mi sembra uno spunto fondamentale su cui riflettere, se vogliamo che le biblioteche siano percepite come luoghi di vita.

img_20160801_130113

img_20160801_130955

img_20160801_131059

img_20160801_131110

E fuori si gioca, piccoli e meno.

img_20160801_131953

img_20160801_132207

img_20160801_132314

Firma il progetto del DOKK1 Schmidt Hammer Lassen, già noto per la realizzazione di diverse biblioteche dallo stile contemporaneo; per l’occasione ha collaborato con la paesaggista Kristine Jensens.

Una curiosità: grazie ai 3,000 metri quadrati di pannelli solari che tappezzano il tetto, il fabbisogno energetico è soddisfatto dall’energia del sole, complici le vetrate che accolgono la luce naturale.

 

Anche di questo parleremo nel circolo di studio Come cambiano le biblioteche in Italia e nel mondo composto da bibliotecari impegnati in azioni e sperimentazioni volte a coniugare le funzioni tradizionali della biblioteca con le nuove richieste del contesto sociale.