Nuovi poveri. Tanti bambini.

Oggi soffermo lo sguardo su una moderna perversione: esser poveri lavorando, seppur sacrificando tempo, famiglia, interessi, salute, relazioni, partecipazione attiva al benessere della comunità. Tutto in nome di pochi spiccioli, tassati in anticipo secondo meccanismi malati, spesso pagati in ritardo -e senza garanzie sull’effettiva riscossione. E la nuova povertà ha ricadute anche su molti bambini. […]

Continua la lettura…

relazioni e “tempo reale”

Che io sappia nessuna ha ancora studiato con l’attenzione che meritano le conseguenze sull’amore prodotte dall’uso costante dei telefonini, per cui ciascuno deve essere costantemente reperibile e contattabile. Dal mio piccolo e parziale osservatorio posso solo notare che i bambini non hanno più diritto e la possibilità di vivere un’esperienza individuale, misurando in solitudine le proprie […]

Continua la lettura…

40 settimane di attesa … e il mondo intorno

Aspettare un bambino non è più cosa di sole donne. In maniera spassosa l’illustratrice Glòria Vives Xiòl ironizza su quanto e come possano variare le reazioni a un test di gravidanza in base all’età:   Quaranta settimane che fanno una differenza radicale e irreversibile; settimane di attesa, ma per chi? Il periodo che intercorre dal concepimento di un bambino\a […]

Continua la lettura…

infan-seat : sono arrivate le mamme robot ?

Gli Infant seat  quei “troni” che dagli arbori della loro invenzione immobilizzano i bambini in posture ostacolanti il naturale movimento, avvalendosi di cinture per “legare” il povero malcapitato, oggi si sono evoluti, divenendo vere e proprie diavoleria, scevre da ogni buonsenso. Non si limitano più a “contenere” i bambini ma sono divenuti veri e propri contenitori a cui affidare […]

Continua la lettura…

bambini e consumismo, un pomeriggio pedagogico in biblioteca

Sabato 14 marzo, la biblioteca di Monteroni d’Arbia, ha ospitato un pomeriggio pedagogico da me condotto. Il tema sul quale si è lavorato: Bambini e consumismo. Le finalità dell’incontro erano: accompagnare e sostenere il ruolo educativo degli adulti analizzando alcune situazioni che, in quanto apparentemente incontrastabili, sovente finiscono per essere ignorate (effetto struzzo). Principalmente il mio proposito era […]

Continua la lettura…

leggere il presente attraverso il passato, con Silei

Quest’anno Silei ha collaborato con due illustratori che a me sono particolarmente cari, Roberto Innocenti e Maurizio Quarello: due “maestri” nell’accezione ampia del termine. Ne La doppia vita del signor Rosemberg edito in casa Salani, la copertina è affidata a Roberto Innocenti, vicino per sensibilità e sguardo ai temi in esso trattati. Silei porta il […]

Continua la lettura…

Priorità e risorse

Non mi piace l’idea di scrivere per scrivere, ho bisogno di trovare nuove forme di pensiero, comunicazione e azione per non soccombere di fronte alla fatica che questa società impone ai tanti che, come me, credono ancora nell’educazione cooperativa, nel rispetto dei bambini e degli adulti, nella necessità di ambienti “pensati”  e “belli”, per “accogliere” le persone […]

Continua la lettura…

I bambini sanno

“Perché quasi tutti i bambini hanno tante cose brutte e poche belle? Me lo spieghi per bene? Lo voglio capire davvero.” Una domanda così, anche se avevi in programma di fare altro, ti costringe a rivedere le tue priorità. Non è una domanda ontologica sulla bellezza e sulla varietà dei gusti. E’ una domanda ben […]

Continua la lettura…

Accogliere un bambino. O no?

Accogliere un Bambino  di Grazia Honegger Fresco, è un libro di cui sentivo il bisogno in maniera acuta. In 111 pagine di agile lettura, l’autrice esprime in maniera molto chiara ciò che avviene oggi nella cura (?) dei neonati e dei bambini piccoli, troppo spesso vittime di una confusione epocale che contrasta l’insorgere e il […]

Continua la lettura…