Stig Dagerman indaga il rapporto genitori-figli (2\2)

Prosegue il contributo sullo sguardo di Dagerman sul delicato compito educativo dei genitori, qui la prima parte -e  qui un altro pezzo sulle capacità dei bambini di autotutelarsi con il gioco. In Difficoltà di genitori, presente nella raccolta Perchè i bambini devono ubbidire?, Dagerman dialoga con Jonathan Swift in relazione alla sua massima: Ai genitori meno che a chiunque […]

Continua la lettura…

Stig Dagerman indaga il rapporto genitori-figli (1\2)

Stig Dagerman, da molti indicato come il Sartre svedese (sul cui lavoro avevo già scritto Quando manca la tranquillità, i bambini si proteggono giocando) ha lasciato passi molto interessanti sul rapporto genitori-figli, di cui ripropongo un estratto, su concessione della casa editrice IPERBOREA, che ringrazio. Nelle pagine intitolate Perché uccider il contrabbasso -dalla raccolta Perchè i bambini devono obbedire?- Dagerman […]

Continua la lettura…

Di casa in casa: catasti esistenziali

Moderna o antica, popolare o di lusso, di mattoni o di paglia, ogni casa ha un cuore segreto. Nascosti fra le sue mura i segni e, soprattutto, i sogni del bambino che lo abita. L’albo di Tortolini e Palmarucci Le case degli altri bambini, con cui dialogo in questo post, è un vero e proprio catasto […]

Continua la lettura…

Il diritto di giocare… e la fatica di farlo rispettare

La struttura che è andata assumendo la nostra società, in particolar modo quella urbana, orienta pesantemente i bambini nella direzione di giochi che non arrecano disturbo agli adulti e che non favoriscono un’affermazione visibile del diritto di cittadinanza e partecipazione dei bambini e delle bambine. Però: il gioco è un diritto sancito dall’art. 31 della Convenzione delle […]

Continua la lettura…